POLLICALANDIA- The H.E.ART of Fun

Durante il fine settimana del 23 e 24 aprile - subito dopo la Giornata della Terra - a Pollica si è tenuto un Design Challenge, dedicato ai bambini, per recuperare e dare nuova vita alla ludoteca del villaggio, ormai in attesa di essere allestita, e metterla a disposizione della comunità. L'obiettivo era quello di creare valore per una realtà che vuole immaginare un futuro più inclusivo e sostenibile per piantare i semi della fiducia e della resilienza nelle nuove generazioni.

L'evento è stato condotto al Paideia Campus Living Labun laboratorio vivente che fa parte del più ampio Cities2030 network. Sono state coinvolte le istituzioni locali e i bambini sono stati chiamati a partecipare personalmente al processo di co-progettazione, attraverso una sfida progettuale stimolante e innovativa.

L'iniziativa è stata concepita con l'obiettivo di rimodellare i meccanismi decisionali che, a livello locale, rischiano di soffocare la voce della comunità, impedendole così di esprimere i suoi reali bisogni.

Responsabilizzare la popolazione includendola nei processi deliberativi è il primo passo verso uno sviluppo locale efficiente e sostenibile.

La sala giochi progettata dai bambini, per i bambini

Trenta ragazzi e ragazze hanno risposto all'appello del Future Food Institute: giovani scienziati, artisti, creativi, inventori, innovatori e modellatori del clima, uniti per proporre le migliori idee sviluppate attraverso modelli di pensiero flessibili e fantasiosi. È quindi essenziale coinvolgerli quando si parla del futuro, soprattutto quando si tratta di progetti rivolti a loro.

Con il supporto e la guida di facilitatori e professionistiI giovani protagonisti di questo hackathon sono stati invitati ad esprimere i loro primi pensieri sulla ludoteca, prima di visitare lo spazio messo a disposizione dal Comune di Pollica per la realizzazione del progetto. Sono poi tornati sul luogo di lavoro, il Castello dei Principi Capanodove sono stati divisi in gruppi e hanno iniziato a lavorare sulla sfida del design, passando attraverso momenti di divergenza e convergenza, formare i valori della collaborazione e del pensiero inclusivo fino a raggiungere un risultato finale la domenica mattina.

Il processo di co-design con la comunità

La partecipazione della comunità durante la progettazione di nuovi servizi è fondamentale non solo per ricevere idee e soluzioni migliori, ma anche e soprattutto per promuovere occasioni di aggregazione e dibattito che sviluppare una mentalità proattiva, che guarda al futuro con speranza ed è capace di rafforzare le radici che legano la popolazione al suo territorio.

C'è stato un momento in cui era difficile per Pollica tornare a vedere con chiarezza il futuro [...] Da oggi abbiamo una strada diversa da percorrere. Il futuro lo costruiremo insieme, a partire dalle giovani generazioni che ora avranno il loro spazio - Pollicalandia "il Cuore del Divertimento" con l'anima che hanno scelto di dargli questo weekend

Stefano Pisani, Sindaco di Pollica

I temi affrontati e i progetti sviluppati nella sfida di design

Il processo di progettazione della stanza dei giochi non si è limitato a immaginare uno spazio per giocare e un fine in sé, ma è stato propedeutico a un rediscovery of the territorial identity valuesL'ecologia, la convivialità, la biodiversità, la socialità e la Dieta Mediterranea sono state prese in considerazione per un risultato ottimale. I bambini hanno imparato a riflettere su questi temi con una visione a tutto tondo, nel pieno rispetto dei principi su cui si basa il progetto su cui si basa Pollica 2050 .

Verso la fine dell'attività, nella fase di convergenza, i gruppi di lavoro sono stati rimescolati in relazione a diversi campi e su base volontaria delle passioni e preferenze dei partecipanti: dallo sport al digitale, passando per l'ecologia, la creatività e la socialità, ogni gruppo ha dato il suo contributo per un risultato che fosse in grado di esprimere l'identità locale a tutto tondo e che fungesse da compromesso per le molte proposte presentate.

"Abbiamo progettato non una semplice sala giochi, o un terribile baby parking, ma una casa comunitaria capace di esprimere la propria identità, preservare i valori del territorio, formare la coscienza ecologica dei bambini, stimolare la creatività e integrare il digitale in modo "intelligente" perché possa davvero diventare uno strumento efficace per migliorare la nostra vita e non un motivo di alienazione".

Sara Roversi, Presidentessa di Future Food Institute